Ghinelli chieda a Macrì e Scortecci un passo indietro

Vorrei per Arezzo una campagna elettorale libera da ombre e dai sospetti. Ghinelli chiarisca la sua posizione.

Dichiarazione di Luciano Ralli

Quello di ieri è stato un coro: dimissioni. Sono state chieste ai Presidenti di Estra e di Coingas. Decideranno secondo coscienza: spetta a loro. Amendola, Presidente di Multiservizi, lo ha già fatto. Io mi permetto di chiedere un gesto al Sindaco Alessandro Ghinelli: liberi la campagna elettorale da ombre e sospetti. Le due nomine, nella sostanza anche se non nella forma, lo hanno visto protagonista. Io posso attendere l’evolversi degli eventi, lui li può determinare. Io vorrei una campagna elettorale basata sul confronto dei progetti e delle idee. Arezzo ha bisogno di soluzioni ai problemi della gente ma perché questo accada, è necessario che Ghinelli chiarisca fino in fondo la sua posizione e inviti sia Scortecci che Macrì a fare un passo indietro, persone che lui stesso ha indicato per le nomine di Coingas ed Estra. Liberiamo la campagna elettorale da ogni sospetto, Io non lo posso fare, lui si. Servono volontà e coraggio. Arezzo si merita una politica sana e lungimirante.