Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
 
 
Home » Comunicati Stampa » Matrignano: “Ghinelli mette una toppa all’Aquilone, ma è già pronto a tagliare il filo”
formats

Matrignano: “Ghinelli mette una toppa all’Aquilone, ma è già pronto a tagliare il filo”

Pubblicato il 12 maggio 2017 da

Matrignano. La scuola l’Aquilone torna a volare, ma solo per un anno e le forbici della Giunta Ghinelli sono già pronte a tagliare il filo nel settembre del prossimo anno.

Le legittime, convinte e motivate istanze dei genitori hanno fatto cambiare idea alla Giunta Comunale che aveva deciso la chiusura della scuola: subito e senza preavviso. Le famiglie hanno conquistato un importante risultato che, però, è provvisorio e a termine.

La Giunta ha infatti deciso di spendere 65.000 euro per opere di “miglioramento” sismico e di tenere aperta la scuola per un altro anno. In questo modo rinuncia alla realizzazione di opere di “adeguamento” sismico o demolizione e ricostruzione della scuola; perde il finanziamento di oltre 200.000 euro del Ministero e della Regione e, soprattutto, rinuncia ad avere a Matrignano una scuola a norma antisismica.

L’obiettivo dei genitori, condiviso dal Pd, era ben altro: una scuola nuova, in linea con le ultime normative antisismiche nonché la certezza del mantenimento del plesso scolastico a Matrignano.

La Giunta Ghinelli, in realtà, ha messo una piccola pezza all’Aquilone perdendo anche consistenti finanziamenti. Tutto questo al termine di un percorso amministrativo quanto meno criticabile. Aveva stanziato a bilancio 600.000 euro (di cui oltre 200.000 euro finanziati da Ministero e Regione e 400.000 euro derivanti dalla vendita di immobili comunali) per eseguire i lavori di “adeguamento” sismico. Poi ha dichiarato che l’intervento, previsto nel Piano Annuale dei Lavori Pubblici 2017 e messo a Bilancio, non era economicamente conveniente. Alcune domande: come mai questa tardiva consapevolezza e con quali criteri vengono iscritti a bilancio numeri e progetti?

Il Pd conferma la sua proposta, partendo dall’assunto della Giunta che, oggi, la scuola si sicura: progetto di demolizione e ricostruzione della scuola, gara dei lavori e appena pronti per iniziare, e solo in quel momento, trasferimento temporaneo dei bambini in altra sede per il tempo necessario per eseguire i lavori, da realizzare comunque dopo il Giugno 2018.

Gruppo Consiliare Partito Democratico

Arezzo, 11 Maggio 2018

 

 
© Partito Democratico di Arezzo