Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
 
 
Home » Comunicati Stampa » Integrazione e sicurezza, un binomio inscindibile, soprattutto per Saione
formats

Integrazione e sicurezza, un binomio inscindibile, soprattutto per Saione

Pubblicato il 25 luglio 2017 da

Dichiarazione del Gruppo consiliare del Partito democratico

Sicurezza va coniugata con integrazione. Questa è la priorità. Il quartiere di Saione non può reggersi su una sola gamba, con slogan come l’esercito in strada: il pattugliamento delle strade è una misura, ma se lasciata a sé stessa rischia di ingenerare ancora di più in senso di un quartiere sotto assedio. Quella dell’esercito si rivela una delle tante contraddizioni del centrodestra di governo. L’altra evidente è il togliere con una mano e il prendere con l’altra: i gruppi politici dell’attuale maggioranza criticano il governo mentre l’attuale amministrazione con una sua partecipata, la Fraternita dei Laici, accoglie, giustamente, decine di richiedenti asilo negli immobili di proprietà. I volantini razzisti con cui è stata tappezzata via Piave sono un segnale grave, soprattutto se commisurato alle cifre reali: Saione ospita 13 richiedenti asilo. Una cifra modesta e sarebbe paradossale incolpare dei problemi 13 soli soggetti.

Il Partito democratico ha incontrato i cittadini in questo fine settimana e ne ha ascoltato i suggerimenti, le analisi e le critiche. Siamo perciò convinti che la strada giusta sia quella seguita dalle precedenti amministrazioni di centrosinistra: coniugare, appunto, sicurezza e integrazione, con esperienze ed eventi che avvicinino e non allontanino. Sono i presupposti per permettere di recuperare la tranquillità del vivere quotidiano, di lavorare e frequentare il quartiere da parte di tutti.

Arezzo, 24 Luglio 2017

 
© Partito Democratico di Arezzo