Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
 
 
Home » Comunicati Stampa » PD su Ghinelli, un’iniziativa ridicola
formats

PD su Ghinelli, un’iniziativa ridicola

Ghinelli ha un solo argomento per far parlare di sé e della città di cui è Sindaco: un po’ poco, molto ridicolo.

È stato votato per occuparsi dei problemi, usa i mezzi più squallidi per la notizia, per apparire, per inseguire i media.

Mischia inquisizione e populismo: farnetica di fare causa alla famiglia Boschi per riabilitare il nome della città. Ma la città ha già un nome e un passato importante, che si fa di tutto per nascondere. La città di Vasari e Piero della Francesca, di Guido d’Arezzo e Petrarca: Arezzo dei Grandi non ha bisogno di questi mezzi per essere conosciuta e valorizzata, ma di idee. Piazza Grande e la Chimera devono essere promosse e raccontate, ma per Ghinelli non sarà certo un’opera d’arte a fermare il suo progetto di una comunità senza anima.

Certo la miglior difesa è l’attacco.

I modi, i toni, la pochezza degli argomenti sono un attacco misero, indegno, scomposto: di chi non sa dove andare.

Ci sono tanti modi per rimpiangere una mancata autocandidatura o fare campagna elettorale. Ghinelli ne ha usato uno assurdo, le scorciatoie mediatiche fanno solo tanta polvere che appena cala mostra il deserto, quello dell’immobilismo di questa attuale amministrazione aretina.

La politica è altra cosa.

Albano Ricci, Segretario PD Arezzo

Alessandro Caneschi, Segretario PD Comune di Arezzo

Donella Mattesini, Senatrice PD

Marco Donati, Deputato PD

Vincenzo Ceccarelli, Assessore Regione Toscana

Lucia De Robertis, Vicepresidente Consiglio regionale toscano

Valentina Vadi, Consigliere regionale

Roberto Vasai, Presidente Provincia di Arezzo

Luciano Ralli, Capogruppo PD in Consiglio comunale di Arezzo

Arezzo, 17 Gennaio 2018

 
© Partito Democratico di Arezzo