Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
 
 
Home » Comunicati Stampa » Matteo Bracciali: “Immobili e contenti. La destra aretina si sta sciogliendo”
formats

Matteo Bracciali: “Immobili e contenti. La destra aretina si sta sciogliendo”

Pubblicato il 24 aprile 2018 da

“Sì è vero, non va più di moda parlare di politica, di equilibri di coalizione, ma qui siamo davanti ad una maggioranza che ormai non solo non rappresenta più il mutamento dello scenario politico, ma che fa di tutto per nascondere le proprie debolezze, le proprie fragilità” commenta il consigliere comunale del Pd Matteo Bracciali.

“Nostro malgrado, la Lega alle ultime elezioni ha raggiunto un risultato inatteso e proprio grazie a quella spinta il candidato di Forza Italia oggi siede alla Camera dei Deputati. E a Palazzo Cavallo cosa è cambiato? Nulla di nulla, anzi, ci ritroviamo con un assessore diviso tra Roma e Arezzo” aggiunge Bracciali. “Diciamo che al momento, fino a quando la Lega e il Movimento 5 Stelle continueranno con questo esasperante corteggiamento ai danni del Paese, grandi impegni a Roma non ce ne sono, ma questa è un’altra storia” aggiunge.

“Quel che emerge è che la giunta Ghinelli si regge su degli equilibri fragilissimi, talmente fragili da non riuscire a trovare un’alternativa all’assessore della Lega, ma soprattutto senza l’apparente intenzione di concedere ai leghisti uno spazio politico che sia in grado di rappresentare, perlomeno in parte, il loro ruolo di partito potenzialmente maggioritario all’interno della coalizione” spiega Bracciali.

“Certo, al momento, i leghisti in città, come loro stessi affermano, si stanno riorganizzando e quando lo avranno fatto è naturale che chiederanno una maggiore rappresentatività. E Ghinelli come risponderà? Provando a sventolare la bandiera di Ora Ghinelli, i civici che verranno ricordati più per la velocità con la quale sono scomparsi che per quello che hanno rappresentato?” continua Bracciali. “Insomma, da Egiziano Andreani che per anni, soprattutto in quelli di buio, ha tenuto accesa la Lega in città, ci aspettiamo uno scatto di orgoglio” aggiunge.

“Poi dal sindaco vorremmo avere rassicurazione rispetto ai rapporti con il suo vice: rientrata la crisi? Tutto apposto? E con i consiglieri di Ora Ghinelli che erano a favore, così come il dottor Rossi, della partecipazione al bando per l’accoglienza da parte della Fraternita, tutto ripianato?” commenta Bracciali.

“A noi sinceramente una cosa pare chiara: in questa maggioranza i veti li mette solo il Sindaco, le decisioni le prende solo lui a dispetto di tutte le anime di opposizione, ma soprattutto di maggioranza. Tutto questo va a discapito dell’intera comunità aretina, non più governata, non più rappresentata” conclude Bracciali.

Arezzo, 23 Aprile 2018

 
© Partito Democratico di Arezzo