Facebook YouTube Google Maps E-mail RSS
 
 
Home » Comunicati Stampa » Bennati: “Le assunzioni degli insegnanti merito della Madia; i 68 posti tagliati ‘merito’ del Comune di Arezzo”.
formats

Bennati: “Le assunzioni degli insegnanti merito della Madia; i 68 posti tagliati ‘merito’ del Comune di Arezzo”.

Pubblicato il 4 luglio 2018 da

“Un approccio miope e contraddittorio”. Con queste parole la Consigliera comunale Barbara Bennati commenta la “nuova” gestione dei servizi per l’infanzia sbandierata dall’Assessore alle politiche sociali Luca Tanti. “Bene le assunzioni, peccato però che per questo vada ringraziata, non tanto l’Amministrazione comunale di Arezzo, quanto la “Riforma Madia”, che ha consentito alle municipalità di procedere ad un piano triennale straordinario di assunzioni per le scuole di infanzia e gli asili nido.

“Mi chiedo – aggiunge Bennati – dove sia la coerenza di un’Amministrazione che da una parte investe sul personale e dall’altra taglia l’offerta di servizi a sostegno delle politiche educative. Perché si decide di tagliare 25 posti nella scuola dell’infanzia Orciolaia, 9 posti negli asili nido di S. Leo e Masaccio e 25 posti nella scuola dell’infanzia di Acropoli?”.

Infine Bennati lancia un appello: “Il sistema integrato dei servizi per l’infanzia è ad oggi convenzionato al 100% e necessita di un forte e qualificato ‘coordinamento pedagogico’ da parte del Comune. Quello attuale non è più sufficiente – i posti rimasti vacanti non sono stati rimpiazzati – bisogna invece garantire qualità e valenza pedagogica a questi servizi che non possono avere solo una connotazione socio-sanitaria, o di tipo assistenziale. Perché quindi non assumere figure altamente qualificate sotto il piano della progettazione per ridisegnare complessivamente questi servizi? Un’opportunità per analizzare il calo delle iscrizioni e una sfida per adeguare l’attuale offerta, rimodulando gli orari, intervenendo sulle rette, ecc. ma di ciò purtroppo non vi è traccia… Non dimentichiamo infatti che in questo comparto andranno in pensione 10 educatori e sono solo 4 i posti a concorso, elevata è l’età media del personale che resta, e se non si procede a ridisegnare il sistema, il rischio che imploda è reale, e nulla potranno le assunzioni fatte in questi ultimi anni!”.

Barbara Bennati, Consigliere Comunale PD Arezzo

Arezzo, 04 Luglio 2018

 

 
© Partito Democratico di Arezzo