Ralli a Misiani: “il Governo accolga la proposta degli orafi aretini”

Senza emendamenti al Decreto Rilancio, nessun orafo aretino avrà finanziamenti a fondo perduto

Nota di Luciano Ralli

Le strategie sono fondamentali ma le azioni immediate, oggi, lo sono di più. A nome del Pd e dell’intera Alleanza di centro sinistra, ho chiesto al vice Ministero dell’economia, Misiani, di accogliere la proposta degli orafi aretini. E cioè di non conteggiare il valore della materia prima al momento del confronto tra fatturati 2020 e 2019. Senza questo elemento e in considerazione del fortissimo aumento del costo dell’oro, non ci sarà una sola impresa aretina del settore che potrà ricevere i contributi a fondo perduto che oggi sono essenziali come l’aria per le nostre imprese, Le categorie del settore hanno valutato che senza questo emendamento all’articolo 25 del Decreto Legge Rilancio, le aziende orafe rimarranno tagliate fuori da ogni possibile sostegno. In caso contrario né potrà usufruire tra il 50 e il 70%.