Arezzo merita qualcosa di meglio: Scortecci e Macrì facciano un passo indietro. E Ghinelli dica qualcosa

Dichiarazione dei Segretari provinciale e comunale del Pd, Francesco Ruscelli e Alessandro Caneschi

Macrì riceve nuovi avvisi di garanzia. Scortecci non rispetta il mandato ricevuto dai Sindaci. Ghinelli, che è il principale artefice delle loro nomine, tace. Oggettivamente non è un bel periodo per il centro destra.  Il Pd chiede, a questo punto, azioni rispettose dei cittadini di Arezzo e della storia e del valore di aziende pubbliche quali Estra e Coingas. A Scortecci, i sindaci Pd hanno chiesto, già ieri, le dimissioni da Presidente Coingas. Oggi il Pd provinciale e comunale chiede anche a Macrì di fare un passo indietro da Presidente Estra. Su queste aziende non possono continuare a gravare le pesanti ombre che si sono addensate: ne va della loro credibilità e del loro prestigio sul mercato.

Il Sindaco Ghinelli, da parte sua, non può rimanere alla finestra come se queste vicende non lo riguardassero. Lo toccano, in parte, anche personalmente. Ma da quello politico questo è principalmente un suo problema: è lui che ho deciso le nomine di Macrì e Scortecci. Se fosse lui a chiedere le loro dimissioni, saremmo di fronte ad un gesto di trasparenza. In caso contrario, il Sindaco si assumerebbe la responsabilità di una quanto meno preoccupante condivisione politica.