“Chiedono il buono spesa e trovano il messaggio telefonico: si conferma la strategia Ghinelli di niente fatti e solo chiacchiere”

Nota PD Arezzo

Dopo settimane di attesa, giovedì sono finalmente uscite le graduatorie per l’ottenimento dei buoni spesa finanziati dal Governo. I cittadini che hanno fatto richiesta e sono risultati ammessi al finanziamento, hanno scoperto che i buoni non sono ancora disponibili.

Infatti al momento della richiesta viene risposto con un messaggio automatico che gli uffici del Comune chiudono il giovedì pomeriggio e riaprono il lunedì mattina. In pratica i buoni spesa annunciati giovedì saranno disponibili (forse) da lunedì e spediti in via telematica. Risultano poi richieste correttamente inviate ma non ricevute dagli uffici comunali.

Senza contare che i commercianti saranno costretti a pagare una commissione molto salata sui buoni che i cittadini andranno a spendere.

Non solo il Comune di Arezzo non ha messo un euro a sostegno dei cittadini in questa fase di emergenza ma non riesce neppure a distribuire gli aiuti che arrivano dagli altri enti come in questo caso o nel caso dei contributi affitti. Ennesima dimostrazione delle tante parole spese e del lavoro che Ghinelli (non) sta facendo per la città.