La Fiera Antiquaria torni tra le vie del centro storico di Arezzo e non vada in esilio al Prato

Interrogazione dei consiglieri Pd Caporali e Gallorini

Entro giugno o al massimo luglio. Tra le vie del centro storico e non al Prato. I consiglieri Pd, Donato Caporali e Andrea Gallorini presenteranno un’interrogazione al Sindaco Ghinelli e all’assessore Cherici chiedendo che questo sia il futuro immediato della Fiera Antiquaria. E accendendo un semaforo rosso dinanzi all’ipotesi Prato.

“La Fiera – ricordano i due consiglieri Pd – ha come sede naturale e storica le vie del centro cittadino e questa presenza diffusa comporta un notevole beneficio economico e di presenze a tutta l’area interessata. La sede del Prato, che è stata individuata in tempo di emergenza e necessità, non può diventare sede permanente dove ospitare i banchi della prestigiosa manifestazione”.

La scelta del Prato comprometterebbe il futuro della manifestazione: “rinchiuderla nel circuito del Prato per i prossimi mesi significherebbe ridurre di attrattività e potenzialità la manifestazione stessa a discapito degli espositori e delle attività economiche del centro storico”.