Nel Consiglio Comunale odierno abbiamo assistito a una farsa

La Giunta non ha risposto a quasi tutte le interrogazioni delle minoranze sostenendo, tramite i vari assessori tirati in causa, che avrebbe dato risposta scritta. La scusa? Non era in grado di replicare nell’immediato. 

Si è palesemente trattato di una strategia al fine di non esporsi, che evidenzia mancanze e lacune in avvio di mandato. Non si può pretendere che un assessore sia a conoscenza di tutto, quindi è accettabile che alcune interrogazioni siano rimandate ma è altresì inammissibile un comportamento ostruzionistico del genere.

A nostro avviso, esso non solo lede i diritti e la dignità dei consiglieri comunali ma va a mancare di rispetto agli aretini che si vedono negare una voce ufficiale che li metta al corrente di quanto l’amministrazione sta facendo per risolvere i loro problemi.