Nota dei gruppi Pd, Arezzo 2020, Lista Ralli e Movimento 5 Stelle sul Consiglio Comunale di mercoledì 17 marzo

L’epilogo è stato indegno. La mancanza del numero legale da parte della maggioranza, che ha così fatto saltare il voto sull’atto d’indirizzo con il quale veniva chiesto a sindaco e giunta di adottare ogni provvedimento necessario affinché il Comune si costituisse parte civile nel procedimento penale relativo a Coingas/Estra, è un comportamento scorretto nei confronti del Consiglio Comunale, del suo presidente e che squalifica il ruolo dell’organo.

Con questa richiesta, intendevamo tracciare una precisa linea da seguire in vista dell’udienza preliminare prevista il 23 marzo. Pensando all’esclusivo interesse della città, vistasi lesa nella sua stessa immagine da una vicenda di sottogoverno che spetterà comunque alla magistratura giudicare.

Noi nel frattempo diamo un giudizio politico a questo atteggiamento omissivo del centrodestra: zero. Come zero sono stati i suoi consiglieri presenti al momento dell’appello nominale. Tra gli assenti, registriamo anche il sindaco. Siamo consapevoli che non avrebbe comunque partecipato al voto ma essendo tornato recentemente dagli Stati Uniti, nulla impediva la sua presenza.